Cosa vuoi fare?
    Nome*
    Cognome*
    Tel
    Email*
    Dettagli*
    Ho letto ed accettato la privacy
     

    TI INTERESSA QUESTO VIAGGIO?

    CONTATTACI!

    Siamo a tua disposizione

    per fornirti tutte le informazioni

    di cui hai bisogno


    Bhutan Sikkim

    Il Festival di Paro

    da € 3.750,00
    Periodo: dal 17/03/2018 al 17/03/2019      
    Scadenza: 17/03/2019      
    Località: Bhutan      
    I VIAGGI DI MAURIZIO LEVI
    I VIAGGI DI MAURIZIO LEVI
    SCOPRI DI PIU’ SU QUESTO VIAGGIO
    Il tuo viaggio
     
    u
    Mappa
     
    Guestbook
     
    Viaggi correlati
     

    VIAGGIO DI 15 GIORNI 

     Paro e il “Monastero della Tigre” - Gli antichi templi e dzong del Bhutan - il Festival di Paro con le danze cham e l’esposizione del Grande Thangk - il Gompa di Rumtek, sede della setta buddhista dei Cappelli Neri - lo spettacolare orizzonte himalayano dalla Tiger Hill di Darjeeling - il Darjeeling Himalaya Railway, il “trenino giocattolo”

      

    Un originale itinerario che combina due interessanti paesi himalayani. Un viaggio tutto via terra dal Bhutan occidentale agli stati indiani del Sikkim e del West Bengala. 

    Paro, Thimphu, Gangtey, Punakha, Phuetsholing, e quindi Gangtok e Darjeeling. Vallate a strapiombo ricoperte di lussureggianti foreste e interrotte qua e là da risaie a terrazza e boschetti di rododendri in fiore. Splendidi Dzong bhutanesi, le fortezze-monastero sede allo stesso tempo del potere religioso e politico. Monasteri buddhisti in stile tibetano (gompa), a cui si accede attraverso suggestivi viali orlati di coloratissime bandierine da preghiera appese a lunghi pali di bambù…

    Tutto questo in occasione del Festival di Paro, una manifestazione religiosa di più giorni in cui si rievocano la vita e gli insegnamenti di Guru Rinpoche, il “Prezioso Maestro”, universalmente riconosciuto come il fondatore del buddhismo tibetano. Il momento più importante del festival è l’esposizione del Thongdrol: una thangka gigantesca (immagine sacra dipinta su tessuto) a cui vengono attribuiti particolari poteri. Il nome stesso ne fa intuire l’importanza:

    Thong significa “guardare” e Drol “liberazione”, ovvero, ottenimento della liberazione semplicemente guardando l’oggetto.

    Il Thongdrol viene solitamente srotolato all’alba e riposto prima che venga colto dai raggi del sole; i monaci eseguono cerimonie di purificazione e i fedeli si avvicinano per toccare il tessuto con il capo, sicuramente un momento di buon auspicio!

    PARTENZE INDIVIDUALI GIORNALIERE A PARTIRE DA EURO 2.650 (base 4 partecipanti)

     

    mappa Bhutan Sikkim